Per la cantina etnea Antichi Vinai la data dello scorso 26 marzo entra di diritto nell’album dei ricordi di famiglia: un giorno storico in cui i produttori hanno condiviso le migliori vendemmie degli ultimi 16 anni.

«Tutto è nato per caso – spiega Viviana Gangemi, enologa e viticoltrice etnea – ho notato qualche mese fa queste magnum in un angolo del nostro magazzino e dopo un confronto con mio padre, ho ritenuto fosse arrivato il momento giusto per condividerle, anche per comprendere qualcosa di più sulla straordinaria longevità dei nostri vini vulcanici».

Le annate 2014, 2008, 2007, 2006 dell’etichetta “Koiné” Etna Rosso DOC Riserva sono state protagoniste di una degustazione apprezzata da tecnici e neofiti, presenti in modo eterogeneo all’appuntamento.

Il tasting, tenutosi a Passopisciaro (CT) nella sala degustazione dell’azienda, è stato arricchito da interessanti interventi che hanno spiegato la complessità dell’Etna del vino, indagando concetti affascinanti come quello del terroir e delle caratteristiche pedoclimatiche.

Viviana Gangemi, che ha già preso in consegna il testimone del passaggio generazionale prima dal nonno e poi dal padre, ha condotto la degustazione insieme a Francesco Chittari, con gli interventi di Giuseppe e Marco Gangemi.

Media Partner dell’evento: Dario Costanzo di Winerytastingsicily.

La Degustazione:

Vendemmia 2014

Olfatto nitido che evoca frutti rossi ben definiti e ancora decisamente fresca e caratterizzata da una piacevole acidità, l’annata si conferma fra le più fortunate degli ultimi 20 anni.

Inverno mite e primavera piovosa hanno permesso un’invaiatura lenta. Il mese di ottobre generoso ha regalato una grandissima vendemmia caratterizzata da tannini fitti e fini. All’assaggio il vino ha dimostrato ancora una tempra “giovane”, sarà stimolante risentirlo fra qualche anno.

Vendemmia 2008

Un naso ampio con rimandi a godibilissimi terziari, preannunciano un vino che viaggia sui binari dell’armonicità e della verticalità. Il tannino equilibrato e setoso corrobora un sorso ricco, pieno di sapore. Sapidità e persistenza completano un assaggio molto appagante, in linea con i migliori parametri etnei.

Vendemmia 2007

Un assaggio che potrebbe essere preso come esempio classico di longevità etnea. Vitale e vibrante, il vino descrive sentori potenti con note evocative di bosco e foliage. In bocca l’assaggio è affilato, freschezza e acidità si rincorrono in un sorso dinamico e piacevolmente pungente.

Ricordando la vendemmia che in Sicilia si è caratterizzata per la peronospora e una riduzione di produzione di circa il 30%, il vino ci offre ancora uno spunto per riflettere come da una difficoltà possa uscire fuori un’opportunità. In questo caso leggibile dopo “appena” 5 lustri.

Vendemmia 2006

Naso giocato su toni scuri, i terziari predominano con sensazioni che ricordano note mentolate, di resine e di tintura di iodio.

L’inizio stagione bilanciato con una punta di caldo ad agosto ha comportato significative perdite di grappoli. La vendemmia anticipata ha prodotto vini alcolici che oggi all’assaggio risultano densi e caldi. La sapidità bilancia la beva quasi da meditazione.

ANTICHI VINAI

Via Castiglione, 49 95012

Passopisciaro (CT), Italy

(+39) 0942 983232

info@antichivinai.it

www.antichivinai.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.