L’evento dello scorso 11 Giugno svolto a Montalcino e dedicato esclusivamente al Rosso di questo prezioso areale toscano in provincia di Siena, ha sugellato un momento importante per pubblico e appassionati.

Montalcino si è tinta di “Rosso”, dedicando l’intera giornata alla scoperta del Rosso di Montalcino DOC ed “invadendo” il borgo ilcinese con dibattiti, seminari, pubbliche degustazioni ed una scenografica cena “globale e solidale” in collaborazione con Food for Soul per raccontarne l’anima contemporanea, dinamica e versatile.
Il Brand “Montalcino” si riscopre e si rafforza, stimolando il dialogo con nuove fasce di mercato
ed attraverso il racconto di un vino più accessibile, sia in termini economici ma anche – e
soprattutto – in chiave di stili enologici.
“Per noi, l’Evento “RED Montalcino” vuole essere l’inizio di un percorso di crescita e valorizzazione del Rosso di Montalcino” dichiara Fabrizio Bindocci, Presidente del Consorzio del Vino
Brunello di Montalcino.
“È un vino che sta riscuotendo successo anche all’Estero” prosegue il Presidente “Il riconoscimento della DOC esattamente 40 anni fa, nel 1982, ha aiutato a dargli maggior peso specifico”.
Lo confermano infatti gli andamenti di vendita degli ultimi anni, con un potenziale di crescita
molto incoraggiante per il Rosso di Montalcino. Circa 4-4,5 milioni di bottiglie di Rosso sono
prodotte ogni anno, con mercati di riferimento in Italia, USA e Canada e prezzi in costante
crescita a testimonianza dell’apprezzamento qualitativo per questa DOC.

La tavola rotonda

L’Evento si è aperto con una presentazione e Tavola Rotonda presso il Teatro degli Astrusi di
Montalcino, con importanti contributi nel raccontare la figura del Rosso di Montalcino ed il suo
territorio.
Sono intervenute figure di rilievo nella costruzione di questo racconto, moderato da Luciano
Ferraro, Vice Direttore del Corriere della Sera tra cui: il Presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino Fabrizio Bindocci, il wine critic Luca Gardini, fondatore di Gardininotes.com e di
recente nominato Best Italy Wine Critic of the World 2022 ed il wine blogger e divulgatore
enoico Francesco Saverio Russo – tra il Presidente dell’Associazione Italiana Sommelier Antonello Maietta, e due giovani produttori che hanno investito con passione nel Rosso, Violante
Gardini Cinelli Colombini, dall’azienda Casato Prime Donne, e Tommaso Squarcia, dalla storica
azienda Castello Tricerchi.
La Tavola Rotonda, ha evidenziato il forte entusiasmo per questo vino, contemporaneo, versatile
ed accessibile ad un pubblico giovane, che cerca comunque prodotti di eccellenza legati al
territorio.
A sorpresa, è stato svelato anche il Premio Speciale Montalcino nel Cuore, voluto per 3 personaggi di grande importanza per Montalcino, i suoi vini ed il suo territorio. In qualità di eccellenti
comunicatori, ogni giorno Luciano Ferraro, Luca Gardini e Francesco Saverio Russo contribuiscono a render sempre più note le ricchezze di Montalcino.
Nel pomeriggio i produttori ilcinesi si sono confrontati con la Stampa italiana ed internazionale,
i collezionisti ed un vasto pubblico di appassionati, durante i Walk Around Tasting, tenutosi nel
Chiostro del Museo di Sant’Agostino, ben 75 aziende del territorio hanno portato in degustazione il loro Rosso, con varie annate tra cui spicca la 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.