La valorizzazione dei prodotti e del territorio, la loro promozione tramite le eccellenze locali e nazionali.

Imprenditori, produttori, giornalisti di settore: tutti insieme al “Piro Piro” di Reggio Calabria per colloquiare sulla crescita enogastronomica ma non solo di una terra fertile come la Calabria.

Martedì 28 giugno appuntamento imperdibile 

L’intento è anche quello di promuovere una comunicazione sinergica, positiva e propositiva della Calabria del gusto.

E lo faremo ascoltando e raccontando le esperienze di ospiti straordinari che sono entusiasmanti esempi di positività e qualità.

L’evento avrà inizio alle 19:00 e sarà una chiacchierata tra amici, giornalisti e operatori della comunicazione, produttori e imprenditori che fanno Bella la Calabria.

E quale luogo se non il Piro Piro, lido balneare tra i più belli della regione, palcoscenico ideale di questo progetto in cui la nostra regione è protagonista?

Seguirà la cena a cura dello chef resident Marco Maltese e dello special guest chef Claudio Vicina, insieme per la prima edizione di quel che si prefigge essere l’evento di ogni inizio stagione calabrese.

Lo chef Vicina – Stella Michelin del ristorante piemontese Casa Vicina la cui partecipazione è in collaborazione con Velier– interpreterà insieme allo chef Maltese le materie prime calabresi attraverso la realizzazione di alcuni suoi piatti icona.

E poi una sorpresa con il lancio di un’altra entusiasmante iniziativa.

Diciamo solo che si chiamerà “Amara Calabria”. Cos’è? Lo scopriremo quella sera.

Perché un evento sulle eccellenze calabresi?

«Basta chiudere gli occhi per un solo istante e riflettere su quanti prodotti di qualità riusciamo a contare per capire che finalmente la strada imboccata dalla Calabria è quella corretta»

Domenico bellantonio, direttore del lido che ospita la manifestazione “calabriando”

«Bergamotto di Reggio Calabria, Cedro di Calabria, Limone di Rocca Imperiale, Clementina igp di Calabria, N’duja di Spilinga, Cipolla rossa di Tropea, Liquirizia di Calabria, Patata della Sila igp, Pecorino Crotonese, Pecorino del Monte Poro, Fichi di Cosenza, Salumi Dop di Calabria, Fagioli di Cortale, Fagiolo poverello bianco, Caciocavallo di Ciminà, Manzo di razza podolica Calabrese, Maiale nero di Calabria, per non parlare degli oli extravergine d’oliva e dei vini dal Cirò al Greco di Bianco…- sottolinea il direttore Bellantonio – Noi come ristoratori ci impegniamo a proporli, ai nostri ospiti ed ai turisti, e per questo ci facciamo promotori di questo evento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: